Cardiofrequenzimetri Garmin

cardiofrequenzimetro-garminNel vasto mondo dei cardiofrequenzimetri, avere un cardiofrequenzimetro Garmin significa aver scelto una delle aziende leader del settore. L’azienda si è specializzata nel corso degli anni nella realizzazione di dispositivi sempre più all’avanguardia, facendo attenzione anche a proporre ai clienti dei prodotti suddivisi in base alle necessità del singolo.

La società ha deciso innanzitutto di specializzarsi nella realizzazione di cardiofrequenzimetri da polso, perché li ha ritenuti la soluzione più comoda per coloro che hanno il desiderio di misurare la frequenza cardiaca. Tenere sotto controllo la frequenza diventa molto semplice con un cardiofrequenzimetro Garmin, che si rivela in molti casi uno strumento indispensabile durante la sessione di allenamento.

Grazie alla presenza di luci LED di ultima generazione, montate praticamente su tutti i modelli di questo marchio, è possibile una misurazione precisa della frequenza del cuore. L’azienda ci ha tenuto a rassicurare tutti coloro che sono convinti che un cardiofrequenzimetro a fascia sia più preciso di uno da polso: questo è vero per alcuni modelli, ma non per i modelli Garmin.

La valutazione delle frequenza cardiaca eseguita dalle luci LED viene effettuata prendendo in analisi il volume ematico che attraversa il vaso venoso nell’unità di tempo. Questa valutazione restituisce un numero preciso, corrispondente alla frequenza che si ha nel momento del calcolo.

L’azienda ha preferito puntare sui cardiofrequenzimetri da polso perché li ha ritenuti più comodi da utilizzare rispetto a quelli a fascia. Inoltre ha optato per questa versione perché i clienti possano avere sempre con loro il dispositivo, così da misurare la frequenza cardiaca non solo durante le sessioni di allenamento, ma durante tutta la giornata.

Garmin Forerunner® 235Tutti i dati registrati nel corso della giornata dal dispositivo indossato al polso sono memorizzati in modo sicuro. Un grande punto di forza di questa azienda è l’aver sviluppato anche uno specifico software per la sincronizzazione dei dati e per la successiva analisi degli stessi. Stiamo parlando di Garmin Connect, l’applicazione ufficiale che consente di collegare il cardiofrequenzimetro allo smartphone e di inviare in pochi secondi i dati sul cellulare.

In questo modo ciascuno potrà analizzare la performance, tenere traccia degli allenamenti ed individuare i miglioramenti. L’analisi è importante anche per scoprire gli aspetti da migliorare e dunque per pianificare le sessioni di allenamento, per non lasciare nulla al caso.

La società ha creato diverse tipologie di cardiofrequenzimetri, suddivise a seconda delle necessità del cliente. Vi sono alcuni prodotti della categoria Semplice, ideali per coloro che sono alle prime armi. Altri invece rientrano nella categoria Avanzato e sono rivolti a chi ha intenzione di migliorare molto e di puntare a delle prestazioni di alto livello. Infine vi è la categoria Premium, rivolta agli sportivi professionisti o anche a chi ha intenzione di analizzare la performance nel minimo dettaglio grazie alle funzionalità aggiuntive.

Indipendentemente dalla categoria di prodotto, tutti i cardiofrequenzimetri commercializzati assicurano una precisione massima nella misurazione della frequenza cardiaca. Ciò che li fa differire è il numero di funzionalità extra messe a disposizione, alcune delle quali potrebbero essere inutili per chi si allena per diletto ed al tempo stesso essere essenziali per i professionisti.

I modelli della categoria Semplice offrono le funzioni di base per la corsa e la possibilità di monitorare l’attività 24/7. Nella categoria Avanzato si aggiungono anche funzionalità avanzate per la corsa e la possibilità di gestire i propri piani di allenamento personalizzati.

Infine nella categoria Premium si trovano, oltre a tutte le caratteristiche delle categorie precedenti, altre funzionalità per allenamento avanzato ed anche la presenza di svariate metriche fisiologiche, che possono tornare utili per avere un quadro completo del proprio organismo nel corso della sessione di allenamento. Questo perché la frequenza cardiaca è uno dei parametri fondamentale, ma non è l’unico e lo sanno bene gli sportivi di professione.

Pin It on Pinterest